Cerca
  • Andrea Pietropoli

EVIDENZE SULLA RIABILITAZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI



Approccio di riabilitazione nelle lesioni della cuffia dei rotatori

In letteratura sono stati studiati diversi trattamenti conservativi. Confrontando la dipendenza o meno degli stimoli propriocettivi con gli esercizi di stretching e rafforzamento muscolare, seguita dalla crioterapia, non c'erano differenze statisticamente significative. Secondo la letteratura, non vi sono differenze tra terapia occupazionale ed esercizi a domicilio nel trattamento conservativo delle lesioni della cuffia dei rotatori. Esistono anche studi a favore di interventi chirurgici su piccoli e medi strappi della cuffia dei rotatori, mentre altri supportano trattamenti conservativi.


Protocollo di riabilitazione dopo la riparazione della cuffia dei rotatori

Un approccio riabilitativo razionale si basa su una graduale mobilizzazione della spalla. L'obiettivo è la conservazione articolare e la prevenzione dell'eccessiva tensione sui tendini riparati. I diversi tipi di esercizi e trattamenti devono essere introdotti al momento giusto durante il protocollo di riabilitazione. Si raccomanda inoltre un riavvio graduale delle attività sportive e ricreative, solo dopo un'adeguata rieducazione funzionale e senza dolore. L'articolazione e la forza sono complete e simili al braccio controlaterale solo 6 mesi dopo la riparazione chirurgica della cuffia dei rotatori, con conseguente riavvio delle attività sportive.


Ritorna allo sport dopo la riparazione della cuffia dei rotatori

La gestione della lesione della spalla si basa sul trattamento conservativo o chirurgico e sulla riabilitazione fino al recupero funzionale dello stato prima del trauma. Negli atleti ci sono 2 fasi: la prima porta al recupero delle attività fisiche nella vita quotidiana (popolazione normale), mentre la seconda porta al ritorno alla prestazione sportiva. Tuttavia, in letteratura la maggior parte degli studi ha un livello III di evidenza o sono opinioni di esperti, quindi non ci sono dati univoci e le raccomandazioni basate sull'evidenza sono necessarie per gli atleti. Le. linee guida I.S.Mu.L.T per il recupero del trauma muscolare hanno introdotto il concetto di rieducazione motoria nelle fasi IV e V come parte finale del periodo di riabilitazione, che porta gradualmente l'atleta ad allenarsi nuovamente. Gli obiettivi durante queste due fasi sono:

• Recupero della propriocezione e coordinazione negli sport specifici.

• Aggiustamento specifico metabolico (aerobica-anaerobica).

• Recupero delle caratteristiche di resistenza più importanti per le prestazioni (massimo, esplosivo, elastico, resistente).


Terapia farmacologica

Non esiste una terapia farmacologica definitiva per le lesioni della cuffia dei rotatori. La terapia con FANS riduce il dolore a breve termine, mentre non migliora le funzioni. Iniezioni di corticosteroidi e FANS hanno effetti simili a breve termine.


Iniezioni di spalla

Glucocorticoidi, anestetici locali, HA o PRP sono usati per migliorare il dolore e le prestazioni nei pazienti con tendinopatia della cuffia dei rotatori. Nessuna evidenza sufficiente in confronto tra diverse terapie iniettive. I glucocorticoidi e gli anestetici locali hanno effetti citotossici sui tenociti. L'HA riduce il dolore nei pazienti con lacerazione parziale dei tendini della cuffia dei rotatori. Al momento, non ci sono prove che le iniezioni di PRP debbano essere utilizzate in pazienti con lacerazione parziale o completa dei tendini della cuffia dei rotatori.


Indicazioni chirurgiche e criteri di riparabilità

Il risultato dipende da diversi fattori quali età, sesso, durata dei sintomi, "tempistica della chirurgia", funzionalità, anatomia dello strappo e presenza di "compensazione del lavoratore". Pertanto, è necessario valutare queste variabili per fare una scelta chirurgica adeguata. Non esiste un'età di "cut-off" per l'indicazione della chirurgia, che deve essere valutata in base alle attività del paziente e alla differenza tra età cronologica e fisiologica. Nonostante le donne siano epidemiologicamente più colpite, questo non è un limite all'indicazione chirurgica. Nelle lesioni traumatiche, si suggerisce la riparazione chirurgica di 4 mesi. La gravità anatomica e anatomopatologica della lesione è un fattore determinante per l'esito clinico. Una funzionalità preoperatoria conservata è un fattore prognostico positivo.


Strappi della cuffia dei rotatori massicci e irreparabili

Esistono diversi tipi di trattamento utilizzati per strappi di cuffia dei rotatori massicci e irreparabili. Tuttavia non è possibile identificare un trattamento ideale. Il trattamento conservativo, il debridement dell'artroscopia e la protesi inversa sono utili soprattutto negli anziani, mentre la trasposizione del tendine viene solitamente utilizzata nei giovani. Altri due tipi di trattamento sono la tenotomia del bicipite e la parziale riparazione della lacrima: sono entrambi utili per ridurre il dolore. L'uso di ponteggi è ancora studiato. La trasposizione di Latissimus dorsi viene utilizzata per le lesioni posteriori superiori mentre la trasposizione pettorale maggiore per le lesioni anteriori superiori.

4 visualizzazioni