Cerca
  • Andrea Pietropoli

Sindrome del Tunnel Carpale

Un quadro generale




Prevalenza

La prevalenza è dell'8% per le donne e il 4% per gli uomini, aumenta con l'aumentare dell'età: 3,7% in quelli di età inferiore ai 30 anni rispetto all'11,9% in quelli di età superiore ai 50 anni.


Anatomia

Il tunnel carpale è formato dalle ossa carpali e dal legamento trasverso del carpo. Il tunnel carpale contiene 2 borse: la borsa radiale e la borsa ulnare. Il nervo mediano è vulnerabile alla compressione da forze esterne e/o interne, perché è la struttura più superficiale del tunnel carpale, situata tra il legamento carpale trasverso e la borsa ulnare. L'innervazione del nervo mediano comprende i rami sensoriali del pollice, dell'indice, del medio e della metà radiale dell'anulare, mentre i rami motori innervano il primo e il secondo muscolo lombricale, opponente del pollice, abduttore breve del pollice (APB) e la porzione superficiale del muscolo flessore breve del pollice.

I classici sintomi della CTS includono intorpidimento e formicolio nella distribuzione del nervo mediano e, nei casi più gravi, perdita di forza dei muscoli innervati distalmente dal medesimo nervo.


Patofisiologia

Una varietà di fattori patoanatomici sono stati implicati nello sviluppo della CTS, tra cui un'elevata pressione del tunnel carpale, cambiamenti ischemici all'interno del nervo e compressione da strutture adiacenti. Una graduale diminuzione del flusso sanguigno intraneurale con compressione sperimentale da 50 a 80 mmHg e ischemia completa a 80 mmHg; mostrano un aumento dell'edema epineurale e della pressione del fluido endoneurale. Ha indicato che la compressione del nervo porta alla rottura della barriera del nervo sanguigno a livello dei vasi endoneurali, causando una fuoriuscita di fluido nell'endoneurio. Se la barriera negli strati interni del perineurio rimane intatta, la pressione del fluido endoneurale aumenterà e si tradurrà in una sindrome minicompartimentale all'interno del fascicolo. Ha descritto questa rottura e fuoriuscita di liquido come cause che portano all'accumulo di proteine, linfociti, fibroblasti, macrofagi e alla fine alla formazione di cicatrici o fibrosi nervosa; c'è un marcato aumento della densità dei fibroblasti, delle dimensioni delle fibre di collagene, della proliferazione vascolare e del collagene di tipo III.


Corso clinico

Ci sono prove che il decorso clinico di alcuni pazienti gestiti non chirurgicamente è positivo e per alcuni pazienti, il trattamento non chirurgico è curativo. Al contrario, l'evidenza sulla percentuale di individui che passano alla chirurgia dopo il fallimento della gestione non chirurgica varia dal 23% all'84% dopo 3 mesi e dal 57% al 58% a 6 mesi e 1 anno, rispettivamente.


Classificazione

La sindrome del tunnel carpale può essere acuta o cronica. La CTS acuta è relativamente rara e ha varie cause, come sanguinamento spontaneo, trombosi, lussazione di una base metacarpale, infezione, gravidanza e fratture, con fratture del radio distale che sono la causa principale. La STC cronica ha un inizio graduale, a volte presentandosi in un dito e successivamente diffondendosi alla restante distribuzione del nervo mediano. L'esordio iniziale dei sintomi è solitamente di notte, ma quando i sintomi peggiorano, le persone possono lamentarsi dei sintomi durante il giorno insieme a goffaggine e difficoltà con la presa. La frequenza dei sintomi (lieve che mostra sintomi più intermittenti e moderata che dimostra sintomi più costanti) sembra essere un fattore che distingue la CTS da lieve a moderata, e l'atrofia muscolare quindi è il segno clinico che distingue i pazienti con CTS grave da quelli con malattia lieve o moderata.


Fattoi di rischio

I fattori di rischio sono l'obesità, l'età e il sesso femminile. Il rischio aumenta linearmente con il BMI e l'età. Il rischio raddoppia negli individui con un BMI superiore a 30 kg / m2 e in quelli di età superiore ai 50 anni. Il sesso femminile aumenta il rischio da 1,5 a 4 volte. Fattori di rischio intrinseci legati alla CTS includono precedenti disturbi muscoloscheletrici, terapia sostitutiva con estrogeni, fattori di rischio di malattie cardiovascolari, ipotiroidismo, storia familiare di CTS, mancanza di attività fisica, rapporto polso maggiore di 0,70, rapporto polso-palmo maggiore di 0,39, mano corta e larga e bassa statura. Il fattore di rischio professionale con la più forte associazione con la CTS è lo sforzo forzato della mano. Gli utenti che utilizzano abitualmente il computer non hanno un rischio maggiore di CTS rispetto alla popolazione generale o ai lavoratori dell'industria. Tuttavia, quando si confrontano gli impiegati con una durata di utilizzo del computer breve o più lunga, le probabilità di CTS sono leggermente aumentate (1 <OR <2).

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti