top of page
Cerca
  • Andrea Pietropoli

CAPSULITE ADESIVA, I TRATTAMENTI

Cosa dicono le linee guida internazionali per il trattamento della capsulite adesiva? Cosa vi dovreste aspettare che faccia il professionista.


INIEZIONI DI CORTICOSTEROIDE:

Le iniezioni di corticosteroidi intra-articolari combinate con la mobilizzazione della spalla e gli esercizi di stretching sono più efficaci nel fornire sollievo dal dolore a breve termine (4-6 settimane) e una migliore funzionalità rispetto alla mobilità della spalla e agli esercizi di stretching da soli.


ISTRUZIONE DEL PAZIENTE:

1 Al follow-up di 24 mesi, l'89% dei pazienti nel gruppo "esercizio supervisionato" ha raggiunto un punteggio costante di 80 o superiore su 100, rispetto al 64% di quelli nel gruppo aggressivamente mobilizzato, indicando che l '"esercizio supervisionato" L'approccio terapeutico era superiore alla terapia più aggressiva.


B I fisioterapisti dovrebbero utilizzare l'educazione del paziente che (1) descrive il decorso naturale della malattia, (2) promuove la modifica dell'attività per incoraggiare la ROM funzionale e indolore e (3) abbina l'intensità dello stretching all'attuale livello di irritabilità del paziente.


MODALITA ':

Le modalità di riscaldamento o elettriche teoricamente possono avere benefici positivi sul dolore nel trattamento di pazienti con capsulite adesiva. Tuttavia, l'impatto di una modalità singolare sul decorso naturale della capsulite adesiva è difficile da determinare, poiché le modalità terapeutiche vengono generalmente applicate come trattamenti aggiuntivi alla terapia manuale e / o agli esercizi terapeutici.


2 Ultrasuoni: i miglioramenti del ROM erano maggiori rispetto al gruppo di controllo, raggiungendo un significato statistico per la rotazione interna ed esterna immediatamente post-trattamento e al follow-up di 3 mesi e per la flessione e abduzione immediatamente post-trattamento. Tuttavia, questi miglioramenti della ROM non erano correlati con dolore, disabilità o stato di salute generale.


4 Modalità di riscaldamento profondo come trattamenti aggiuntivi alla mobilizzazione passiva e un programma domiciliare: gli autori hanno scoperto che un aumento del volume capsulare era associato ad un aumento della ROM di rotazione esterna.


2 Confronto dell'uso di impacco caldo umido e diatermia ad onde corte continue con tecniche manuali ispirate a Cyriax come mobilizzazioni articolari e massaggio ad attrito trasversale: i trattamenti di terapia manuale erano più efficaci del riscaldamento passivo


2 Se le modalità di riscaldamento superficiale e profondo fossero utili trattamenti aggiuntivi per un programma di autoallungamento: i pazienti trattati con diatermia a onde corte hanno mostrato un miglioramento significativamente maggiore nel ROM rispetto agli altri gruppi di trattamento, e non c'erano differenze significative tra i gruppi trattati con riscaldamento superficiale e stretching contro lo stretching da solo. Inoltre, la maggior parte dei miglioramenti sono stati osservati nelle prime 2 settimane di trattamento.


2 Elettroagopuntura più esercizio fisico, elettroterapia interferenziale più esercizio fisico o nessun trattamento per 4 settimane: entrambi i gruppi di trattamento sono migliorati significativamente, mentre il gruppo di controllo non è cambiato; non sono state rilevate differenze significative tra i 2 gruppi di intervento.


3 Stimolazione del nervo elettrico transcutaneo (50-150 Hz per 10 minuti) insieme ad un allungamento prolungato: un miglioramento significativo del ROM è stato riscontrato nel gruppo trattato con stimolazione del nervo elettrico transcutaneo; tuttavia, ciò potrebbe essere stato dovuto al prolungato allungamento miotendineo.


C I clinici possono utilizzare la diatermia a onde corte, gli ultrasuoni o la stimolazione elettrica combinati con esercizi di mobilità e stretching per ridurre il dolore e migliorare il ROM della spalla nei pazienti con capsulite adesiva.


MOBILIZZAZIONE COMUNE:

2 La mobilizzazione di grado I e II (non tendendo il tessuto fino al limite) può essere efficace non solo per migliorare il dolore ma anche per aumentare il ROM e la funzione.


2 Rispetto a 4 gruppi di intervento: iniezioni intra-articolari e subacromiali accoppiate, mobilizzazione articolare, ghiaccio / facilitazione neuromuscolare propriocettiva e nessun trattamento (esercizi del pendolo): i pazienti trattati con mobilizzazione articolare e un HEP ​​sono significativamente migliorati nelle prime 4 settimane, ma leggermente meno rispetto ai pazienti che ricevono iniezioni intra-articolari e subacromiali. Il gruppo trattato con mobilizzazione articolare non ha fatto meglio degli altri 2 gruppi (facilitazione neuromuscolare propriocettiva / ghiaccio / HEP e solo esercizi a pendolo eseguiti a casa). A 6 mesi, il gruppo di mobilizzazione è significativamente migliorato rispetto al ROM iniziale e al dolore, ma non è stata osservata alcuna differenza rispetto agli altri gruppi di trattamento.


2 Mobilizzazione congiunta ed esercizio attivo rispetto ad un gruppo che riceve solo esercizio: ROM significativamente migliorato e riduzione del dolore in entrambi i gruppi, con l'unica differenza tra i gruppi un miglioramento leggermente maggiore (7 °) del movimento passivo per il gruppo di mobilizzazione.


2 Dolore alla spalla e rigidità che hanno ricevuto mobilizzazione, esercizio e consulenza congiunti a un gruppo che riceveva solo esercizi e consigli: a 1 e 6 mesi, non c'erano differenze statisticamente significative nel dolore e nella disabilità, miglioramento globale auto-percepito o ROM attiva tra i 2 gruppi.


4 tecniche di mobilizzazione end-range intense (nessun esercizio o modalità) per una durata di 3 mesi: i pazienti sono stati trattati da 2 a 3 volte a settimana e sia ROM che volume articolare (misurato con artrografia) sono stati utilizzati per determinare i risultati. Hanno riportato un miglioramento significativo nel ROM attivo e passivo, nel dolore e nel volume articolare dopo il trattamento.


4 La mobilizzazione di fascia media e la mobilizzazione di gamma media sono state più efficaci della mobilitazione con movimenti che aumentano il movimento e la funzione.


2 Frequenza delle sessioni per la mobilitazione congiunta e la conformità con l'esercizio fisico: i risultati non hanno mostrato differenze nel miglioramento del movimento basato sul genere; tuttavia, è stato osservato un miglioramento migliore del movimento nell'estremità dominante coinvolta rispetto all'estremità non dominante coinvolta. La frequenza d'uso della mobilizzazione articolare non ha mostrato alcuna relazione con il movimento migliorato o il plateau del tempo di movimento. Tuttavia, il movimento migliorato è stato significativamente migliore e il tempo di passare al plateau più breve nel gruppo che ha eseguito un HEP ​​(programma di esercizi a casa) ogni giorno. È stata osservata una relazione tra una durata dei sintomi più lunga e guadagni minori nel ROM. Questo studio ha indicato che una maggiore conformità con l'HEP ha avuto una maggiore influenza sul ritorno del movimento e sul plateau del tempo di movimento rispetto alla frequenza della mobilizzazione articolare.


2 Mobilizzazione deli movimenti traslatori anteriori rispetto a quelli posteriori: i pazienti trattati con mobilizzazione della traslazione posteriore hanno dimostrato un miglioramento significativamente maggiore nella ROM di rotazione esterna rispetto a quelli trattati con mobilizzazione della scivolata anteriore.


C I clinici possono utilizzare procedure di mobilizzazione articolare dirette principalmente all'articolazione gleno-omerale per ridurre il dolore e aumentare il movimento e la funzione nei pazienti con capsulite adesiva.


MANIPOLAZIONE TRADIZIONALE:

C I clinici possono utilizzare la manipolazione traslazionale in anestesia diretta all'articolazione gleno-omerale in pazienti con capsulite adesiva che non rispondono a interventi conservativi.


ESERCIZI DI STREATCHING:

Gli esercizi di stretching sembrano influenzare il dolore e migliorare il ROM, ma non necessariamente più di altri interventi. I risultati sono incoerenti tra più studi, dimostrando che lo stiramento risulta in differenze minime o nulle nei risultati (a 3-6 mesi) nei pazienti trattati con HEP o altri interventi. È indicata l'intensità di stiramento che corrisponde al livello dato di irritabilità dei tessuti.


2 HEP rispetto a una combinazione di manipolazione in anestesia e HEP: lo studio ha dimostrato l'equivalenza di un HEP ​​istruito dal terapeuta per il trattamento della capsulite adesiva rispetto alla manipolazione in anestesia combinata con un HEP


2 terapia fisica "intensiva" per "sblocco supervisionato". La terapia aggressiva può essere dannosa per alcuni pazienti, specialmente durante la fase infiammatoria. La frequenza e la durata delle cure non sono state standardizzate.


2 I pazienti con le peggiori percezioni del dolore e della funzione della spalla prima del trattamento tendevano ad avere i risultati peggiori.


2 L'effetto dell'esercizio con e senza iniezione di steroidi rispetto agli esiti dei pazienti che stavano assumendo analgesici in un ciclo di trattamento di 6 settimane: hanno scoperto che entrambi i gruppi di esercizi (con e senza iniezioni di corticosteroidi) sono significativamente migliorati nel rapimento attivo e ROM di rotazione rispetto al gruppo che hanno assunto solo analgesici. Hanno scoperto che la maggior parte del miglioramento si è verificato nelle prime 3 settimane.


2 L'effetto dell'aggiunta di specifici esercizi di rafforzamento scapolotoracico a un programma di terapia fisica: entrambi i gruppi sono significativamente migliorati in tutte le misure di esito, con il gruppo trattato con rafforzamento scapolare che mostra una ROM di elevazione attiva statisticamente maggiore a 12 settimane. Gli autori hanno suggerito che il gruppo trattato con rinforzo scapolare è migliorato perché il ritmo scapulo-omerale è stato “ripristinato”; tuttavia, il ritmo scapulo-omerale è stato valutato solo visivamente.


4 Programma di terapia fisica standard con farmaci antiinfiammatori non steroidei con o senza iniezione di corticosteroidi: hanno scoperto che l'89,5% di 98 pazienti con capsulite adesiva ha risposto alla gestione non operativa. La risoluzione dei sintomi si è verificata nel 52,4% dei pazienti con una combinazione di terapia fisica e farmaci antinfiammatori non steroidei e in un ulteriore 37,1% dei pazienti con una combinazione di farmaci antinfiammatori non steroidei, terapia fisica e 1 o più iniezioni. Il tempo medio per il successo del trattamento è stato di 3,8 mesi.


B I medici devono istruire i pazienti con capsulite adesiva negli esercizi di stretching. L'intensità degli esercizi dovrebbe essere determinata dal livello di irritabilità dei tessuti del paziente.

43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page